Trieste Libera

Trieste Libera al Commissario del Governo: 90 giorni per regolarizzare il fisco a Trieste

CONFERENZA STAMPA GIOVEDÌ 18 GIUGNO, ORE 11.30 A TRIESTE

Presidio di Trieste Libera alla sede di Esatto, giugno 2015.

Presidio di Trieste Libera alla sede di Esatto, giugno 2015.

Il Movimento Trieste Libera, proseguendo nella sua battaglia legale, ha notificato il 15 giugno 2015 al Commissario del Governo italiano nella Regione Friuli Venezia Giulia, e suo tramite al Presidente del Consiglio dei Ministri del Governo italiano, l’invito formale a ripristinare entro 90 giorni il pieno esercizio dei loro poteri ed obblighi di amministrazione civile provvisoria dell’attuale Free Territory of Trieste regolarizzandone la situazione fiscale.

Le richieste specifiche del nuovo atto si articolano in quattro punti:

  • riconoscimento e dichiarazione inefficacia delle leggi italiane, anche fiscali, che siano state irregolarmente estese al Free Territory;
  • sospensione cautelare immediata delle procedure fiscali, anche esecutive, e di sfratto conseguenti a tali leggi;
  • ricostituzione dell’amministrazione finanziaria del Free Territory separata da quella dello Stato italiano;
  • ottenimento del rispetto degli obblighi internazionali della Repubblica italiana verso il Free Territory.

A questo atto, articolato su 7 pagine di motivazioni, coordinato agli atti precedenti ed al recentissimo contenzioso europeo, si agganceranno poi appositi moduli di adesione di cittadini, residenti ed imprese che praticheranno le obiezioni fiscali conseguenti.

L’iniziativa ed i documenti verranno illustrati e resi pubblici in conferenza stampa giovedì 18 giugno [2015] alle ore 11.30 nella sala al primo piano della sede di Trieste Libera (piazza della Borsa 7).

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.