Movimento Trieste Libera

Video dell’intervento durante il presidio al Tribunale del 10 febbraio 2016 e documenti

Il 10 febbraio 2016, in occasione della firma del Trattato di Pace che ha sancito l’indipendenza del Territorio Libero di Trieste – TLT, il Movimento Trieste Libera ha tenuto un presidio al tribunale di Trieste per ribadire che non è possibile ottenere la libertà senza avere garantita la giustizia, con particolare riferimento alle numerose violazioni commesse dal Governo italiano da quando ha assunto il ruolo di governo provvisorio del TLT per conto delle Nazioni Unite in base al Memorandum d’Intesa di Londra del 5 ottobre 1954.

Il video completo del discorso di Roberto Giurastante, Presidente del Movimento Trieste Libera, si trova qui: LINK

Lo stesso giorno, Trieste Libera ha richiesto al Commissario del Governo italiano, incaricato dell’amministrazione civile provvisoria del TLT, il ripristino della segnaletica strale sul breve tratto di confine tra Repubblica Italiana e Territorio Libero di Trieste, che era già stata correttamente apposta dal precedente Governo amministratore gestito da USA e Regno Unito. Per questo motivo, è stato tenuto un secondo presidio in prossimità di Duino.

Trieste Libera News ha intervistato Roberto Giurastante su quest’iniziativa: LINK

A questo proposito, il Presidente di Trieste Libera ha pubblicato l’interessante prescrizione del questore di Trieste che invitava i manifestanti a “tenere il presidio in modo che non si verifichi alcun tipo di impedimento o rallentamento al traffico veicolare in entrata o uscita dallo Stato italiano”.

sequestro_cartelli_stradali2 questore

Un pensiero su “Video dell’intervento durante il presidio al Tribunale del 10 febbraio 2016 e documenti

  1. Pingback: 15-18 settembre 2016: anniversario dell’indipendenza del Territorio Libero di Trieste sul confine con l’Italia – Movimento Trieste Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.