Trieste Libera

19 marzo 2014: la risposta sul Memorandum di Londra

Si avvicina l’ora della sentenza: durante l’udienza dell’8 gennaio, il giudice Leanza ha annunciato che il 19 marzo scioglierà ogni riserva sul significato legale del Memorandum di Londra.

Il Memorandum d’Intesa sul Territorio Libero di Trieste.

Ai cittadini che affollavano l’aula è stata promessa una sentenza “secondo il diritto, non secondo la politica” ed è esattamente quello che vogliamo: LINK

La traduzione asseverata del Memorandum sul Territorio Libero di Trieste, siglato a Londra il 5 ottobre 1954, conferma che Trieste e l’allora “Zona A” del Territorio Libero si trova sotto amministrazione civile provvisoria con un mandato sub-mandato affidato al Governo italiano dai Governi amministratori primari di Stati Uniti e Regno Unito per contro del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Non solo: persino il Trattato di Osimo lo conferma all’articolo 7:

On the date of the entry into force of this Treaty, the Memorandum of Understanding signed at London on 5 October 1954 and its annexes shall cease to have effect in relations between the Italian Republic and the Socialist Federal Republic of Yugoslavia. Each Party shall so notify the Government of the United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland, the Government of the United States of America and the United Nations Security Council within 30 days from the entry into force of this Treaty.

Ovvero, il Memorandum d’Intesa del 1954 cessa di avere vigore solo nelle relazioni tra Repubblica Italiana e la RSF di Jugoslavia (che non sono parti contraenti del Memorandum) e questo significa che il Memorandum continua ad avere vigenza nell’ordinamento del Territorio Libero e nelle relazioni tra i 4 governi (3 dal 1992) che lo hanno firmato, inoltre.

Trieste è Libera: il 19 marzo segnerà una svolta per tutti i triestini e non solo.

Aggiornamento: qualche foto del presidio, le dichiarazioni di Roberto Giurastante a Trieste Libera News ed il commento dell’udienza sul suo blog “Ambiente e Legalità”: LINK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.