Movimento Trieste Libera

Trieste Libera: nuova diffida a difesa del Porto Franco Nord

Prosegue la battaglia del Movimento Trieste Libera per salvare il Porto Franco Nord dalle operazioni speculative illegali ed imbroglione del malaffare politico-istituzionale italiano, e per attuare invece i progetti di riattivazione integrale dell’area già presentati dagli operatori portuali nel 2003 e nel 2009, che prevedono una nuova piattaforma portuale di 1,5 km (dall’Adriaterminal al terrapieno di Barcola) per 200 metri di larghezza, sino a fondali di 20 metri, con oltre un migliaio di nuovi posti di lavoro.

Visti i proclami continui delle autorità italiane coinvolte, oggi (27 ottobre) Trieste Libera ha notificato questa diffida pubblica (qui allegata in italiano e inglese) nell’attesa di vedere se si fermeranno, o se tenteranno di forzare egualmente la situazione ad ogni costo entrando nella loro stessa trappola di illegalità a catena che renderebbe nullo qualsiasi loro atto di dismissione e  cessione del Porto Franco Nord.

In italiano: diffida_governo_it_porto27.10.15

In inglese: Formal-Notice-FreePort-27-10-2015

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.