Movimento Trieste Libera

Trieste Libera: dal Commissario del Governo per l’azione sui rimborsi del servizio militare

Trieste Libera: dal Commissario del Governo per l’azione sui rimborsi del servizio militare

(evento domani, venerdì 31.7.2015, alle ore 11)

Quasi 200 triestini partecipano all’azione avviata dal Movimento Trieste Libera per la richiesta di rimborso del servizio militare che hanno dovuto prestare nelle forze armate italiane a partire dal 1956. La denuncia principale è già stata presentata agli organismi competenti delle Nazioni Unite nel novembre scorso, e si fonda sulle norme del Trattato di Pace che hanno dichiarato il Territorio Libero di Trieste smilitarizzato e neutrale.

Due anni dopo l’insediamento nel 1954 dell’amministrazione civile provvisoria del Governo italiano, il Commissario del Governo per il Territorio di Trieste introdusse con un proprio decreto la leva italiana, e la violazione del Trattato venne coperta facendo firmare alle reclute un foglio in bianco che poi verniva riempito a loro insaputa con una domanda di arruolamento volontario.

Mentre l’azione principale di risarcimento prosegue, Trieste Libera chiederà all’attuale Commissario del Governo di abrogare quel decreto, poiché in Italia il servizio di leva obbligatorio non risulta abolito, ma soltanto sospeso e può venire ripristinato in qualsiasi momento per impegni o tensioni internazionali.

La richiesta verrà consegnata al Commissario venerdì 31 luglio alle 11 nel Palazzo del Governo affacciato sull’antica Piazza Grande, o dell’Unità.

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.