Movimento Trieste Libera

Porto di Trieste: diffida della IPR FTT ad Autorità Portuale, Comune e Regione

Trieste, 24 febbraio 2021 – La I.P.R. F.T.T. – International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste ha notificato ieri in italiano ed inglese ai vertici del Comune di Trieste, dell’Autorità Portuale e della Regione una diffida dal sottoscrivere accordi che costituiscano «violazione delle disposizioni dei commi 618 e 619 dell’art. 1 della L. 190/2014, come integrati dall’art. 1, comma 66 lettera b) della L. 205/2017».

Si tratta delle norme di legge che stabiliscono i vincoli di destinazione dei beni del Porto Franco Nord, (detto “porto vecchio”) assegnati al patrimonio disponibile del Comune e del ricavato della loro vendita. La diffida rileva che tali norme obbligano il Comune a vendere tutti quei beni versando l’intero ricavato all’Autorità Portuale, che è obbligata ad utilizzarlo esclusivamente per lo sviluppo del Porto Franco internazionale (LINK).

La I.P.R. F.T.T. afferma che i contenuti dell’accordo preannunciati nei giorni scorsi  alla stampa dal Sindaco Dipiazza costituirebbero «un tentativo surrettizio di consolidare e coprire ulteriormente, coinvolgendovi anche la Regione» violazioni di legge commesse sistematicamente in materia dall’Amministrazione Comunale, per le quali pendono dal 2019 denunce penali «ora rinnovate ed integrate».

La diffida è stata trasmessa per conoscenza anche al Commissario del Governo e Prefetto di Trieste, al Procuratore della Repubblica ed al Questore, e precisa che «la commissione indisturbata da anni» di dette violazioni di legge è stata anche «posta all’attenzione delle sedi investigative centrali» anticorruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.