Trieste Libera

IL PREZZO DELL’AUTOSUFFICIENZA NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI

MAXIMUM TAX: TRIESTE SMALTISCE I RIFIUTI DI MEZZA ITALIA SENZA ALCUN BENEFICIO ECONOMICO.

Tasse rifiuti in aumento a Trieste. A darne la “triste” notizia l’amministrazione comunale. Tutti i nodi vengono al pettine. Ed ora anche quello dello smaltimento rifiuti, come ampiamente prevedibile.

Avevano fatto credere che Trieste fosse una città perfetta nella gestione dei rifiuti. Non era vero: Trieste, grazie ai suoi amministratori locali è solo diventata un feudo per le mafie italiane dello smaltimento  rifiuti.

Ci hanno costretti ad utilizzare il nostro inceneritore – termovalorizzatore per bruciare i rifiuti più pericolosi degli altri.

Da Roma “capitale”, alla Campania e da altre regioni in perenne “emergenza”: il meglio del peggio dei rifiuti italiani viene nella Trieste asburgica. Ma qui si accetta tutto: anche di pagare le tasse più care per avere “l’onore” di smaltire la monnezza italiana. Ci avvelenano, e noi dobbiamo pure essere contenti.

Mentre gli utili derivanti dallo smaltimento dei rifiuti italiani vengono incamerati dalle società private a cui il Comune di Trieste ha ceduto il proprio termovalorizzatore l’energia elettrica prodotta dall’impianto e che sarebbe sufficiente a coprire le necessità di Trieste viene venduta sul mercato italiano.

E i triestini devono pagare anche salatissime bollette energetiche. È questo l’unico risultato dell’autosufficienza nella gestione dei rifiuti ottenuto a Trieste: tasse sempre più care e inquinamento ai massimi livelli.

IL NODO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE

Tratto dal blog “Ambiente e Legalità”di Roberto Giurastante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.