Trieste Libera

QUANDO IL TERRITORIO DI TRIESTE SARÀ LIBERO

foto_26-10-2014

Anche quest’anno non sono mancate le celebrazioni per l’anniversario del “ritorno” di Trieste e del suo porto all’Italia. Celebrazioni in pompa magna, molto più che negli anni precedenti. Un segnale della debolezza intrinseca di uno Stato che deve cercare di impressionare il mondo ostentando un nazionalismo anacronistico.

Ormai la lobby locale vede che il castello di menzogne sul quale è stata costruita la simulazione della sovranità italiana su Trieste comincia a scricchiolare. E allora cerca di dare un segnale chiaro per far capire che per Trieste è disposta a tutto perché “Trieste è Italia, e l’Italia è Trieste”.

Questo in sintesi è il messaggio di queste celebrazioni. Nazionalismo per respingere le richieste di legalità dei cittadini di Trieste. I triestini stanno invocando il rispetto dei propri diritti in base al Trattato di Pace del 1947. Trattato che all’art. 21 sancisce l’indipendenza di Trieste dal 15 settembre del 1947. E la cessazione della sovranità italiana, ovviamente.

Sovranità durata 23 anni, iniziata alla fine della prima guerra mondiale dopo il disfacimento dell’Impero austroungarico di cui Trieste con il suo porto aveva fatto felicemente parte per mezzo millennio.

Trieste è stata assoggettata due volte agli abusi del nazionalismo italiano. Il 3 novembre 1918 al termine della prima guerra mondiale ed il 26 ottobre del 1954 dopo che il G.M.A. F.T.T. (Governo Militare Alleato del Territorio Libero di Trieste) ha sub-affidato, in base al Memorandum di Londra, l’amministrazione civile provvisoria al Governo Italiano. Governo Italiano i cui funzionari non hanno invece esitato ad allearsi con la “camorra” nazionalista locale disposta a simulare la sovranità italiana nell’allora “Zona A” del Territorio Libero. Ovviamente in cambio di immunità e profitti.

Ogni anno quindi le infauste ricorrenze per ricordare ai triestini il loro triste destino di popolo oppresso (peraltro in nome di uno Stato che ha i più alti livelli di criminalità e corruzione d’Europa) sono concentrate tra il 26 ottobre e il 4 novembre. I  dieci giorni della “passione” per la città martire del  nazionalismo italiano.

Quest’anno per celebrare il 60° della “seconda redenzione” (come la chiamano le autorità italiane), la Marina Militare italiana ha inviato pure la sua ammiraglia, la portaerei Cavour, affiancata dalla fregata Fasan, uno degli ultimi modelli di una classe che rappresenta il fiore all’occhiello della Marina del Belpaese.

Ci sono i soliti bersaglieri che sfilano. Reduci e reparti in servizio. Gli Alleati li chiamano uomini “gallina” per la penna di gallo che portano sull’elmetto. I pochi reduci sembrano sperduti e rendono ancora più triste questa surreale parata. Sfilano con un tentato passo di corsa nello stile del corpo, ma sembrano arrancare: un’immagine molto attuale della decadente Repubblica Italiana.

Non ci sono le frecce tricolori. Questa volta, e pur in un’occasione così importante come questa, la pattuglia acrobatica italiana sembra avere altri impegni. Nel gennaio di quest’anno ero intervenuto pubblicamente per sollevare la questione dei voli radenti degli Aermacchi MB 339 delle Frecce Tricolori a Trieste ed ero stato immediatamente attaccato dai tanti fans di questa pattuglia acrobatica.

ll fatto è che il problema era davvero spinoso: poteva l’Italia sorvolare con i propri aerei militari lo spazio aereo smilitarizzato del Territorio Libero facendovi addirittura voli di addestramento in pieno centro abitato e mettendo così a rischio la vita di centinaia di persone? Naturalmente la cosa non era finita lì. Avevo segnalato l’accaduto con opportuna denuncia alle Nazioni Unite, alla NATO, e ad alcuni Paesi firmatari del Trattato di Pace tra cui la Russia.

Sia quel che sia, le frecce tricolori almeno in questa occasione non si sono viste. Sarà magari che in questo momento di tensione con sorvoli di aerei militari russi sui cieli europei è meglio evitare quelle che potrebbero essere interpretate come provocazioni.

Alla fine l’unica cosa che rimarrà di queste celebrazioni costose e non volute (almeno dai triestini) è il totale disinteresse con cui sono state accolte dai triestini. Ovvero dal popolo oppresso. Manifestazioni disertate dai cittadini e che si sono svolte nel grigiore assoluto dell’autunno senza fine della democrazia di un Paese che sta collassando su se stesso.

[NOTA: nel settembre 2015 sono emersi documenti che chiariscono la questione del ruolo della NATO nel Territorio Libero].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.