Movimento Trieste Libera

Perché la falsa assemblea del 31 maggio non è del Movimento Trieste Libera

La sera del 16 maggio i “golpisti” convocatori della falsa assemblea di Trieste Libera al 31 maggio si sono accorti che comunque, come contestato, per Statuto non potevano convocarla direttamente ma solo tramite il Presidente.

Gli hanno perciò presentato una “intimazione” altrettanto invalida, e quando era ormai impossibile farlo perché il termine statutario è di 15 giorni prima. Pubblichiamo qui la loro “intimazione” illecita e la risposta-diffida del Presidente, inviata loro per raccomandata alla quale si sono resi non reperibili. Dalla lettura ognuno potrà capire esattamente perché l’assemblea illegittima del 31 maggio non è un’assemblea del Movimento Trieste Libera e le sue eventuali deliberazioni non avranno perciò validità legale nei confronti del Movimento.

collegio_fondatori_intimazione

diffida_fondatori_assemblea_mtl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.