Movimento Trieste Libera

METTERE A TACERE LA LIBERA INFORMAZIONE DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE

Wien - Die größte politische Organisation Triests, das Movimento Trieste Libera (MTL) hat in einer Pressekonferenz am 9. Sept. in Wien bekannt gegeben, dass die italienische Regierung keine Souveränität über Triest, sondern nur die treuhändische Verwaltung inne hat (Zitat: "Italien hat die Welt betrogen."). Italien blockiert so den  internationalen Freihafen Triests und beschneidet sogar die Rechte anderer Staaten, vor allem jene Österreichs, der Schweiz, Tschechiens, der Slowakei, Ungarns und anderer Länder wie etwa Russlands.

Hanno chiesto la testa del più coraggioso giornalista indipendente di Trieste. Lo hanno denunciato all’ordine professionale chiedendone la punizione esemplare: magari la radiazione. E’ questo il biglietto da visita degli pseudoindipendentisti “triestini” del movimento Territorio Libero, e dei loro alleati dell’organizzazione Triest NGO.

L’incredibile accusa? Essere un collaboratore dei servizi segreti sloveni. Così hanno tentato di togliere di mezzo una persona scomoda perché non controllabile. E di bloccare i giornali La Voce di Trieste e Trieste Libera News (organo di informazione del Movimento Trieste Libera) di cui Parovel è il direttore.

La Voce di Trieste è l’unico giornale che denuncia il malaffare di Trieste. Con le sue inchieste ha dato fastidio ai cosiddetti “poteri forti”, che a Trieste significano, ancor più che nel Bel Paese”, reti di corruzione estesissime, con l’immancabile presenza di una criminalità organizzata che agisce tramite i colletti bianchi.

E ora l’obiettivo di questa rete di malaffare è l’occupazione del Porto Franco di Trieste in violazione dei trattati internazionali. Trasformare il porto di Trieste in una piccola Montecarlo balcanica sdemanializzandone le aree portuali e cancellando i punti franchi. Un piano diabolico, un piano criminale. Dietro cui girano miliardi di euro. Ecco perché bisogna eliminare la libera informazione che denuncia questa rete di illegalità con la forza del Diritto.

Paolo G. Parovel è l’unico giornalista che ha avuto il coraggio e il senso civico di opporsi a questo sistema mafioso. E quindi deve essere messo a tacere. Possibilmente per sempre. Altrimenti, finché ci sarà una Voce Libera, un Quarto Potere non controllabile a difesa della legalità e della giustizia, Trieste con il suo Territorio Libero non potrà essere messa sotto il controllo delle mafie.

ordine_giornalisti_parovel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.