Movimento Trieste Libera

IL SENSO DELLA RESPONSABILITÀ

roby25-9-13-2

Negli ultimi mesi ho dovuto spesso assistere ad un utilizzo improprio di notizie relative al mio operato a difesa dei diritti dei cittadini del Territorio Libero di Trieste. Sono stato sottoposto a campagne stampa denigratorie per il mio impegno politico, e ad azioni giudiziarie da parte delle autorità dello Repubblica Italiana da me contestata quale occupante la Zona A del Territorio Libero di Trieste, uno Stato autonomo di cui io sono cittadino e che si trova in regime di amministrazione civile fiduciaria provvisoria ai sensi del Memorandum di Intesa di Londra del 5 ottobre 1954, e come conseguenza del Trattato di Pace del 1947.

Gli attacchi subiti fanno parte della propaganda che lo Stato italiano ha avviato per cercare di screditare chi si oppone con la forza del diritto ad una situazione di illegalità assoluta perdurante da sessant’anni e con ripercussioni internazionali non calcolabili. In discussione non solo il controllo della città di Trieste, ma soprattutto del prezioso Porto Franco.

L’Italia allo sfascio economico dovrebbe restituire svariate centinaia di miliardi di euro sottratti al Territorio Libero di Trieste ed alla comunità internazionale, e si difende cercando di continuare a mistificare la realtà con l’appoggio di una classe politica locale che in cambio della propria fedeltà a Roma ha avuto carta bianca per i propri affari.

Trieste è diventata così una terra senza legge, o meglio – ironia della sorte – un “territorio libero” dalla giustizia, non essendovi alcuna certezza di diritto. Perché vi è la legge che vale per i più forti (ad esempio alcune grandi potenze che utilizzano a loro piacimento il Porto Franco di Trieste lasciando in cambio all’Italia la sovranità fittizia) che chiedono ed ottengono  il rispetto dei loro diritti secondo quanto prevede il Trattato di Pace, e la legge per i comuni mortali, ovvero la massa di cittadini del Territorio Libero che invece si trovano assoggettati alle leggi dello Stato italiano di cui sono considerati cittadini, peraltro illegittimi.

In questa perversa logica di diritto inverso, in cui il fine è l’eversione istituzionalizzata dell’ordinamento, il sistema di governo che assicura il controllo di questa mancata Singapore Europea non può che esserne la diretta conseguenza. Un sistema prettamente mafioso dove i confini tra lecito ed illecito hanno perso ogni significato. E dove, se chiedi legalità, rischi grosso perché sei considerato un eversore del disordine di Stato costituito.

Ma se la reazione delle autorità italiane era ampiamente prevedibile, non altrettanto la capacità di resistenza e di reazione dei triestini. L’ultima battaglia per Trieste la possiamo perdere solo noi cittadini di Trieste: questo deve essere ben chiaro. I peggiori nemici della causa per il Territorio Libero possiamo essere solo noi, non avendo l’Italia alcuna giustificazione per i crimini commessi. Se non appunto l’assenza dei cittadini del Territorio Libero nella richiesta del rispetto dei propri diritti. Tutto qui.

Ecco quindi che quando mi vedo attaccare come esponente del Movimento Trieste Libera dai politici italiani, non posso che accettare tale situazione nell’ambito dell’aspro scontro in corso per l’affermazione di diritti contrastanti. Quando però con la politica italiana si schierano movimenti triestini che si dichiarano “indipendentisti”, allora le cose cambiano: capiamo di essere stati infiltrati con grave rischio per la causa del Territorio Libero.

Negli ultimi cinque mesi mi sono trovato sottoposto a campagne denigratorie sempre più aggressive da parte del movimento Territorio Libero, sorto dalla scissione con Trieste Libera. Campagne denigratorie a livello personale condotte da un altro soggetto politico “indipendentista” che peraltro non ha nascosto le proprie intenzioni di candidarsi alle prossime elezioni amministrative italiane nel Territorio Libero, riconoscendo così l’inesistente sovranità italiana su Trieste e porto. Sarebbe questo un colpo durissimo alle rivendicazioni sostenute invece dai legalitari di Trieste Libera, che rifiutano le elezioni italiane e ne denunciano l’illegittimità.

Schierarsi con l’Italia che mi ritiene “eversore” (sentenza TAR 530/13) per avere denunciato l’illegittimità delle elezioni della Repubblica italiana imposte nel Territorio Libero, l’inesistenza giuridica dei tribunali italiani operanti fuori giurisdizione a Trieste, l’illegittima soppressione del demanio del Territorio Libero e il furto dell’intero patrimonio pubblico di Trieste e del porto, il disastro ambientale causato dall’Italia con le proprie mafie nel Territorio Libero; è questo il biglietto da visita degli indipendentisti triestini corretti all’italiana.

Che ora non esitano neppure a prendere apertamente posizione con alcuni dei politici del sistema italiano più compromessi nella mala amministrazione del nostro Territorio Libero. L’obiettivo è chiaro: eliminare chi non è disposto a scendere a compromessi con la corruzione del malgoverno italiano.

Sono i triestini ora a dovere decidere del proprio futuro: Italia o legalità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.