Movimento Trieste Libera

LISTE DI PROSCRIZIONE NEL TLT PER CHI SI OPPONE ALLE ILLEGITTIME TASSE ITALIANE

PIU’ DI 300 CITTADINI DI TRIESTE SEGNALATI ALL’AUTORITÀ  GIUDIZIARIA DA AGENZIA DELLE ENTRATE E EQUITALIA
liste_prosc_equitalia

Continua il tentativo di repressione nei confronti dei cittadini di Trieste che chiedono il rispetto dei loro diritti secondo il Trattato di Pace del 1947 in vigore.

Nell’ambito delle inchieste avviate dal P.M. Federico Frezza nei confronti del Movimento Trieste Libera, e che hanno portato fino ad ora a richieste di incriminazione contro decine di triestini rei di avere manifestato la loro opinione partecipando alle manifestazioni pacifiche del movimento politico, tocca ora a coloro che hanno presentato opposizione contro le illegittime tasse riscosse in violazione dell’allegato X del Trattato di Pace di Parigi dallo Stato Italiano nella Zona A del TLT.

I nominativi sono stati trasmessi dall’Agenzia delle entrate provinciale e da Equitalia alla Procura della Repubblica di Trieste. A questi si aggiungono una parte delle persone che ha presentato il difetto di giurisdizione direttamente al Tribunale di Trieste. Complessivamente 303 cittadini sono inseriti nella lista consegnata alla Procura della Repubblica di Trieste.

Ricordiamo che lo Stato italiano (Repubblica Italiana), in violazione degli obblighi stabiliti dall’Allegato X del Trattato di Pace e in simulazione di sovranità, ha sottratto al Territorio Libero il patrimonio pubblico e ha riscosso tasse non dovute sostituendo con i propri organi amministrativi quelli del Territorio Libero.

Ed ora, di fronte alla legittima richiesta di legalità dei cittadini spogliati dei loro beni e costretti a pagare imposte in violazione delle leggi in vigore, questa nuova rabbiosa reazione da regime dittatoriale; che va a colpire a scopo intimidatorio anche i cittadini che dichiarando il difetto di giurisdizione denunciano la violazione dell’indipendenza giuridica e giudiziaria del Territorio Libero (stabilite dall’Allegato VI del Trattato di Pace) e l’imposizione dell’ordinamento e del sistema giudiziario dello Stato italiano.

Chi saranno i prossimi a cadere sotto la scure persecutoria degli organi inquirenti dello Stato italiano a Trieste? Forse i 2.000 cittadini che hanno denunciato le illegittime elezioni imposte dalla Repubblica Italiana nella Zona A del TLT?

Tratto dal blog “Ambiente e Legalità” di Roberto Giurastante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.