Trieste Libera

Trieste Libera: irresponsabile chi vuole presentarsi alle elezioni italiane e rivendicare l’ex Zona B

Sede: mandiamoli a casa tutti

Il Movimento Trieste Libera giudica irresponsabile il programma degli “scissionisti” di via Roma 28 [poi via Crispi 66] di presentarsi alle elezioni italiane in nome dell’indipendentismo ed in rapporti con i partiti italiani, dopo avere già arrecato da due mesi al Movimento ogni danno possibile per conto terzi, e dopo avere teorizzato compromessi con Roma al posto dei diritti del Territorio Libero.

Altrettanto irresponsabile, assurda, inutile e dannosa è la loro scelta di rivendicare l’ex “Zona B”.

Trieste Libera ribadisce che la battaglia vera ed efficace per la piena affermazione dei diritti civili, politici, economici e fiscali del Territorio Libero di Trieste e del suo Porto Franco internazionale si fa invece con l’azione politico-diplomatica e giuridica seria e qualificata a livello appunto internazionale, dove sta già ottenendo attenzioni significative, senza impantanarsi a caccia di poltrone nella palude politica locale, senza inimicizie e senza rivendicazioni destabilizzanti verso altri Paesi.

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

L'attuale Territorio Libero di Trieste (dal 1992)

L’attuale Territorio Libero di Trieste (dal 1992).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.