Movimento Trieste Libera

Trieste Libera al confine con l’Italia domenica 17 luglio

Domenica 17 luglio, dalle ore 9 alle 20, il Movimento Trieste Libera terrà il suo quinto presidio al confine di Stato del Free Territory of Trieste con la Repubblica Italiana, al valico principale di San Giovanni di Duino-Štivan, all’altezza dell’ingresso alla Cartiera.

Il breve confine di Stato tra il Free Territory of Trieste e la Repubblica Italiana istituito dal Trattato di Pace del 1947, art. 4, si estende dal Lisert presso San Giovanni di Duino-Štivan al trifinio di quota 208 presso Medja vas-Medeazza, ed è riconosciuto dall’ordinamento italiano vigente con le leggi di esecuzione e ratifica del Trattato, con la Costituzione della Repubblica e con numerose leggi specifiche.

Il primo Governo amministratore provvisorio del Free Territory (AMG FTT) aveva contrassegnato doverosamente i valichi di confine con apposite tabelle. La subentrata ed attuale amministrazione civile provvisoria affidata al Governo italiano ha invece trascurato o rimosso le tabelle di confine per cancellarne l’evidenza. Il Movimento Trieste Libera esercita il diritto ed il dovere di ripristinarla, poiché si tratta del confine vigente tra i due Stati e le loro giurisdizioni.

I suoi cartelli recano perciò le insegne di Stato e delle Nazioni Unite, e delle norme di diritto internazionale e di diritto italiano pertinenti. In maggio un funzionario di polizia aveva disposto il sequestro arbitrario dei cartelli, che è stato rapidamente annullato dalla magistratura perché ingiustificato. Le azioni di Trieste Libera sono perfettamente legittime e continueranno sino al completo ripristino della legalità.

Volantino in italiano: LINK

Volantino in sloveno: LINK

L’evento su Facebook: LINK

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.