Movimento Trieste Libera

Nuovi tentativi d’intimidazione al confine del Territorio Libero di Trieste

Sabato 14 maggio la polizia italiana è intervenuta nuovamente nel corso della manifestazione pacifica del Movimento Trieste Libera al confine del Territorio Libero di Trieste con l’Italia per rimuovere la segnaletica stradale provvisoria che i volontari del Movimento avevano predisposto per rendere evidente l’esistenza del confine di Stato.

Si è trattato di un atto di forza con il quale le autorità italiane hanno voluto negare ai cittadini del Territorio Libero di Trieste il legittimo esercizio dei loro diritti e di una clamorosa violazione del diritto internazionale.

L’attuale esistenza del confine di Stato del Territorio Libero di Trieste con l’Italia è stabilita dal Trattato di Pace del 10 febbraio 1947, in vigore, come recentemente confermato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con il documento S/2015/809.

Il video: LINK

L’abuso arbitrario della polizia ha determinato la reazione dei manifestanti, che mentre i poliziotti sequestravano i cartelli segnaletici, hanno esposto striscioni per la legalità e condannato il tentativo d’intimidazione scandendo lo slogan “FUORILEGGE!”.

Il video: LINK

Il 10 febbraio 2016, anniversario del Trattato di Pace, Trieste Libera aveva peraltro presentato una richiesta di ripristino della segnaletica di confine al Commissario del Governo Italiano, delegato all’esercizio dei poteri di amministrazione civile provvisoria sull’attuale Territorio Libero di Trieste istituiti con il Memorandum d’Intesa di Londra del 1954: LINK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.