Movimento Trieste Libera

15 settembre 2013: grande corteo per l’anniversario dell’indipendenza del Territorio Libero di Trieste

Oggi, 15 settembre 2013 è il 66° anniversario dell’entrata in vigore del Trattato di Pace con l’Italia e di conseguenza del proclama n. 1 del Governo Militare Alleato, che lo ha eseguito costituendo un nuovo Stato: il Territorio Libero di Trieste.

proclama-1-amg-ftt-gma-tlt-sto

Il Territorio Libero ha l’unico Porto Franco Internazionale al mondo, sul quale vantano diritti tutti gli Stati, motivo per cui si trova sotto la protezione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: per colpa delle tensioni della Guerra Fredda in molti hanno dimenticato questo stato di diritto, confondendo il semplice passaggio di consegne avvenuto nel 1954 tra il Governo Militare Alleato e il governo della Repubblica Italiana con la fine del piccolo Stato, ma il Movimento Trieste Libera ha dimostrato che le Trieste è, ad oggi, la capitale del TLT.

Contrariamente all’ex zona B, passata alla sovranità di Slovenia e Croazia nel 1991-92, infatti, nell’ex zona A e attuale TLT non vi sono stati cambiamenti di sovranità dal 1954 ad oggi: tutto è ancora immobile, immutato, congelato, compresi quei diritti che sempre più cittadini stanno reclamando: è il momento di sincronizzare l’orologio di Trieste con quello della Storia.

22fb817e0f-mappe-b46d927341-ftt_google

In un nuovo mondo globale, venute meno le contrapposizioni tra blocchi, è fatto di commerci internazionali prosperano, assi di traffico e rotte che si sviluppano: Trieste deve avere la forza di assumere il suo un ruolo strategico non indifferente in questo presente e le oltre 8.000 persone che oggi hanno partecipato al corteo del Movimento Trieste Libera intitolato “Liberiamo Trieste” lo hanno capito molto bene.

Per ripristinare lo stato di diritto e riprendersi i diritti negati a loro come alla Comunità Internazionale, i triestini stanno firmando le petizioni del Movimento Trieste Libera, partecipano numerosi alle udienze in cui si discute la validità dei Trattati e delle Risoluzioni dellONU, riscoprono le loro radici lungamente sepolte, trovano le pagine della loro storia che erano state strappate, infine, si uniscono numerosissimi per festeggiare l’indipendenza di Trieste, del loro Stato, la loro stessa libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.