Movimento Trieste Libera

Sintesi e documenti su blocco delle azioni illegali PD contro il Porto Franco internazionale di Trieste

Blocco delle operazioni illecite del PD sul Porto Franco internazionale di Trieste: sintesi conferenza stampa e documento legale

Porto Franco Nord

Si è svolta stamane, 21 aprile, nella sede diTrieste, piazza della Borsa 7, la conferenza stampa sull’azione legale con cui il Movimento Trieste Libera ha bloccato dal 17 aprile la fattibilità giuridica e finanziaria delle operazioni con cui i maggiorenti locali del PD (Serracchiani, Rosato, Russo, Cosolini) tentano di consegnare il Porto Franco Nord di Trieste alla speculazione immobiliare ed edilizia spacciandola per recupero urbano.

Il Porto Franco Nord è una struttura funzionale indispensabile per lo sviluppo del Porto Franco internazionale di Trieste, ed il finto recupero urbano è sotto interrogativi antimafia sia per fatti specifici, sia perché si presta a riciclaggi immobiliari valutabili in un miliardo e mezzo di euro, favorisce inoltre il dirottamento dei traffici centro- ed est-europei dal porto di Trieste, e dai vicini porti di Koper e Rijeka, sui porti dell’Italia meridionale più controllati dalla criminalità organizzata (Napoli, Gioia Tauro, Taranto, Bari).

Su questi ed altri aspetti scandalosi della vicenda alleghiamo:

– la nota riassuntiva della conferenza stampa: Nota_conf.stampa_21_aprile

– la copia del primo documento su cui si fonda l’azione legale: domanda-intavolazione-portofrancoTS

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Condivisioni