Movimento Trieste Libera

IL PORTO FRANCO DI TRIESTE TRA LE ANNESSIONI DEI PAESI OCCUPANTI: DAL TERZO REICH ALLA REPUBBLICA ITALIANA

ObersteKommissar-AK

Il tentativo in corso da parte dello Stato italiano per convertire la parte settentrionale del Porto Franco di Trieste in zona urbana sdemanializzando l’intera area costituisce una severa violazione del Trattato di Pace del 1947 che stabilisce l’impossibilità per qualsiasi Stato di operare con le proprie leggi all’interno del Porto di Trieste in virtù del suo status di Porto internazionale al di fuori della giurisdizione di qualsiasi Paese.

Il pressing delle autorità italiane si è concretizzato recentemente in un accordo per trasferire in proprietà al Comune di Trieste e poi vendere alla speculazione edilizia ed immobiliare privata la gran parte del complesso funzionale vincolato del Punto Franco Nord del Porto Franco internazionale di Trieste.

Per fare questo l’Agenzia del Demanio ha dovuto simulare la sovranità dello Stato italiano sull’intero Porto Franco Internazionale di Trieste. Sovranità appunto inesistente ai sensi del Trattato di Pace in vigore che assegna la proprietà di tutti i beni immobili e mobili inclusi nel perimetro dei Punti Franchi vincolati del Porto Franco internazionale di Trieste al Demanio e patrimonio di Stato del Territorio Libero di Trieste – Porto Franco internazionale di Trieste per legge vigente.

Pertanto l’attribuzione al Demanio dello Stato italiano di detti beni, e di tutti gli altri previsti dall’art. 2 dell’Allegato VIII del Trattato di Pace, è priva di qualsiasi titolo giuridico valido, e si configura come frode, pluriaggravata in caso di vendite, cessioni e ricavi senza titolo, come quelli che vengono ora tentati sul Porto Franco Nord.

Ma come si è arrivati a questo punto? Il Trattato di Pace del 1947 aveva risolto definitivamente una situazione problematica che riguardava appunto l’importante Porto di Trieste, trasferito al Regno d’Italia con un atto di annessione (Trattato di Rapallo del 1920) al termine della prima guerra mondiale. L’Italia era così riuscita a impadronirsi del più pericoloso porto concorrente, o meglio “nemico”, di quelli italiani. Trieste non aveva infatti nulla a che vedere con lo Stato italiano avendo fatto felicemente parte per mezzo millennio dell’impero austroungarico di cui lo scalo di Trieste era il porto principale.

Il porto di Trieste deve la sua fortuna proprio all’Austria che lo fece diventare porto franco dell’impero. Un Impero che alla vigilia della prima guerra mondiale contava 52 milioni di abitanti ed un Porto Franco come Trieste diventato tra i più importanti a livello mondiale.

Le disgrazie di Trieste iniziarono invece con la dissoluzione dell’Impero Austro-Ungarico ed il suo trasferimento all’Italia che non aveva alcun interesse a potenziarlo vista la sua posizione strategica per i Paesi dell’Europa centrale al di fuori dell’area di influenza italiana. Iniziò così il declino.

Da una occupazione all’altra si arrivò a quella della Germania nazista avvenuta durante la seconda guerra mondiale dopo che il Regno d’Italia aveva firmato l’armistizio di Cassibile con le potenze alleate (3 settembre del 1943). L’Italia quale Paese aggressore si arrendeva incondizionatamente agli Alleati e si schierava contro l’ex alleato tedesco. Trieste venne quindi occupata dalla Germania  e inserita nell’Operationszone Adriatisches Kustenland (Zona Operazioni del Litorale Adriatico).

Terminata la guerra il Trattato di Pace riconobbe il territorio di Trieste con l’articolo 21 quale territorio separato dallo Stato italiano che vi perse ogni diritto con la rinuncia di sovranità entrata in vigore il 15 settembre del 1947.

Venne quindi costituito un nuovo Stato: il Territorio Libero di Trieste, uno Stato in regime di amministrazione provvisoria, liberato da tutte le leggi fasciste e sul quale lo Stato italiano, che si stava intanto costituendo come repubblica, non poteva vantare alcun diritto.

Disattendendo il Trattato di Pace la Repubblica italiana ha poi simulato la sua sovranità sulla Zona del Territorio Libero di Trieste affidata in amministrazione provvisoria al Governo italiano, che ora culmina nel tentativo di annettere il Porto Franco Internazionale al demanio dello Stato italiano. Un atto illegittimo esattamente come la precedente, mai dichiarata, annessione del Terzo Reich. Ma ancor più grave perché fatto in tempo di pace dal Paese sconfitto ed in violazione del Trattato di Pace di cui è obbligatorio il rispetto. Anche per la Repubblica italiana.

Tratto dal blog “Ambiente e Legalità” di Roberto Giurastante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni