Movimento Trieste Libera

LA FLOTTA NATO A TRIESTE

Il cacciatorpediniere della Royal Navy Duncan (D37) l’unità maggiore della flotta multinazionale della NATO presente nel Porto Franco Internazionale di Trieste.

 

Standing Nato Mine Countemeasures Group 2 (SNMCMG2) a difesa del Porto Franco Internazionale di Trieste.

In questi giorni è a Trieste il secondo gruppo navale NATO per le contromisure mine. La squadra multinazionale è composta dalla nave ammiraglia Enterprise e dal cacciatorpediniere Duncan (Royal Navy), dalla fregata Victoria e dal cacciamine Segura (Armada Española), e dal cacciamine Alghero (Marina Militare Italiana).

La presenza delle navi inglesi nella squadra navale è particolarmente gradita essendo il governo del Regno Unito (UK) l’amministratore primario, assieme a quello degli USA, del Territorio Libero di Trieste sul quale lo Stato Italiano non ha alcuna sovranità.

Il Governo italiano infatti esercita a Trieste solo il ruolo di amministrazione civile provvisoria su delega degli Stati Uniti (USA) e del Regno Unito (UK), mentre la difesa del Territorio Libero di Trieste, Stato neutrale e smilitarizzato, è stata assegnata alla NATO includendola nello stesso settore di difesa dell’Italia con la formula “Italy including the area of Trieste under Italian administration”.

Questo è anche il motivo per cui le truppe italiane in servizio a Trieste non svolgono i loro compiti per conto dello Stato italiano, bensì agiscono in veste di truppe NATO: LINK

Per approfondimenti si rimanda all’expertise dell’I.P.R. F.T.T. nella causa di accertamento fiscale 1757/17 (pendente al Tribunale di Trieste con udienza per le conclusioni il 15 maggio) alle pagg. 25-26: LINK

Su questo blog sono inoltre pubblicati i post:

-1.3.2015: DEMILITARIZZAZIONE DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE E OCCUPAZIONE MILITARE ITALIANA

– 9.8.2015: IL PORTO NUCLEARE “INTERNAZIONALE” DI TRIESTE

– 28.9.2015: CODICE ACP 104 NATO

– 10.1.2016: DEMILITARIZZAZIONE E NEUTRALITA’ DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE: LA VIOLAZIONE DEL TRATTATO DI PACE DA PARTE DELLO STATO ITALIANO

Translated from blog “Ambiente e Legalità” – “Environment and Legality” by Roberto Giurastante

ALCUNE FOTO DELLA FORZA NAVALE NATO A TRIESTE

Il cacciatorpediniere inglese Duncan D37 (Classe Daring Type 45, sei unità), si tratta della più grande nave della Royal Navy specializzata nella difesa antiaerea di gruppi navali complessi.
Particolare del fumaiolo e di uno dei  cannoni da 30 mm per la difesa antiaerea e di punto.
Ponte di volo poppiero (l’unità imbarca 1 elicottero AW101).
Torrione del radar multifunzione Sampson per la difesa antiaerea (copertura 400 Km).
Plancia di comando con i contenitori  quadrinati dei missili antinave RGM 84 – Harpoon.
Particolare del radar multifunzione S1850M della BAE Systems con capacità di individuazione e tracciatura fino a 1.000 bersagli a 400 Km.
La Enterprise (H88) nave multiruolo utilizzata come centro comando gruppi navali affiancata alla fregata spagnola Victoria (F 82) classe O.H. Perry (unità ormai obsolete risalenti agli anni ’80).
Particolare della Enterprise con la parte poppiera e i motoscafi d’assalto.
 I fumaioli del cacciamine spagnolo Segura (M31).

Il cacciamine Segura affiancato al cacciamine Alghero  M5556 (Marina Militare Italiana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni