Movimento Trieste Libera

I TRADITORI

Tre anni fa, nel novembre 2011, iniziava la battaglia per affermare i diritti dei cittadini del Territorio Libero di Trieste. A farsene promotore era un movimento costituito da sei cittadini di Trieste. Io ero tra questi. Le idee e gli obiettivi dei fondatori non erano precisamente coincidenti. Tra i sei fondatori ero l’unico che non aveva un retaggio politico alle spalle. Gli altri provenivano da partiti italiani (Lega Nord, Movimento 5 stelle, Forza Italia, partito comunista) con l’obiettivo di creare un partito indipendentista sbilanciato verso l’autonomismo: in pratica una riedizione, con trucco rifatto, della vecchia Lista per Trieste. Un’idea che naturalmente fin dall’inizio non condividevo non essendo possibile, dal mio punto di vista, conciliare la richiesta del riconoscimento della nostra cittadinanza quali cittadini di uno Stato indipendente con la partecipazione ad elezioni dello Stato che ci stava occupando per nominare i suoi rappresentanti illegittimi.

Alla fine furono i fatti a decidere la strada da seguire. In effetti io avevo già presentato personalmente all’Unione Europea il primo atto di disconoscimento della sovranità italiana sul Territorio Libero di Trieste e sul Porto Franco di Trieste con denuncia dell’11 luglio del 2011. Era la prima volta che un cittadino denunciava le violazioni commesse dall’Italia a danno del Territorio Libero di Trieste, dei suoi cittadini e dell’intera comunità internazionale. Lo facevo inoltre portando all’attenzione delle autorità comunitarie la questione dei danni ambientali prodotti dallo Stato italiano nel Territorio Libero di Trieste. Come ambientalista seguivo da anni le vicende del disastro ambientale di Trieste. Che ora assumevano un’altra dimensione: si trattava di un crimine internazionale a danno di un Paese occupato in violazione di trattati internazionali in vigore.

Fu questo in definitiva il motivo per cui venni contattato per unirmi al gruppo di persone che volevano costituire il nuovo soggetto politico indipendentista. In pratica io avevo già fatto il lavoro che serviva a tutti. Almeno in partenza. In effetti non avrebbe avuto senso creare un nuovo partitino per reclamare diritti che difficilmente sarebbero stati riconosciuti se non vi fossero state solide azioni a supporto. Il mio atto di denuncia alla Commissione Europea diventava quindi la base per qualsiasi sviluppo. Ed è grazie a quell’atto che quattro mesi dopo venne fondato il Movimento Trieste Libera (MTL).

Tutte le azioni vennero subito incardinate sul difetto di giurisdizione, che derivava appunto da quella prima denuncia internazionale di disconoscimento della sovranità italiana sul Territorio Libero, da presentare all’autorità giudiziaria italiana operante a Trieste. Il difetto di giurisdizione che presentai per primo personalmente davanti al primo giudice italiano nel dicembre del 2011 diventò il punto di riferimento per tutti gli atti di opposizione fatti dai cittadini di Trieste alle autorità italiane: il motore di quella rivoluzione della legalità che scosse dopo decenni di silenzio Trieste.

La crescita di MTL fu rapida e consequenziale alle azioni che vennero avviate nel 2012. Il difetto di giurisdizione divenne lo strumento per contestare l’inesistente sovranità dello Stato italiano su Trieste e sul Porto di Trieste. Le opposizioni vennero estese a tutti i procedimenti in cui i giudici dovevano dimostrare di potere decidere al di fuori della loro giurisdizione che era quella dello Stato italiano e non del Territorio Libero. Il difetto di giurisdizione investii procedimenti penali, civili, tributari, amministrativi. Ogni atto dei giudici veniva contestato perché fatto in violazione della Costituzione e delle stesse leggi della Repubblica italiana che recepivano il Trattato di Pace.

Il difetto di giurisdizione cominciò ad essere presentato anche preventivamente contestando direttamente il potere delle autorità italiane a muoversi contro i cittadini del Territorio Libero. Centinaia di persone depositarono l’atto al tribunale di Trieste per chiedere l’istituzione del legittimo organo di giustizia atto a tutelare i cittadini del Territorio Libero. La questione del Territorio Libero  e del Porto Franco di Trieste venne presentata durante una mia audizione al Parlamento Europeo in merito ai progetti dei rigassificatori il 22 gennaio 2013. Si moltiplicarono le manifestazioni pubbliche sempre più partecipate. Per la prima volta vennero contestate le illegittime elezioni italiane da centinaia di cittadini che depositavano direttamente la denuncia al seggio. Nel 2013 MTL superò i 2.000 iscritti. Il 15 settembre per la ricorrenza dell’indipendenza del Territorio ibero scesero in strada alla manifestazione di MTL 8.000 persone.

Tutto questo non poteva ovviamente rimanere incontrastato da parte dello Stato italiano che dopo il 15 settembre reagì cercando di individuare i punti deboli di un movimento che era stato sottovalutato. La crescita tumultuosa di MTL aveva già consentito infiltrazioni per tenerlo sotto controllo e per avviare opportune azioni di contrasto dividendolo dall’interno. Nell’attesa di completare questa operazione che sarebbe stata possibile non prima di 12 mesi le autorità italiane seguirono la classica strada della persecuzione giudiziaria avviando tramite il P.M. Frezza della Procura della Repubblica di Trieste inchieste pretestuose nei confronti di MTL indagando con scopo intimidatorio decine di attivisti.

Per riuscire a coprirsi dalle aggressioni dello Stato italiano avevamo intanto costituito una nuova organizzazione con sede a Londra dal nome di Triest NGO che si sarebbe dovuta occupare delle cause internazionali. Ne facevano parte tutti i soci fondatori di MTL. Aderì anche l’avvocato Nicola Sponza che nel secondo semestre del 2013 era diventato il legale di fiducia del movimento.

Triest NGO commissionò, per conto del Movimento Trieste Libera ad uno studio di diritto internazionale di Londra (20 Essex Street) un’expertise sulla questione del Territorio Libero che venne finanziata con i soldi che MTL raccoglieva per le cause internazionali. L’expertise doveva dimostrare che era immodificato lo status giuridico della Zona A del Territorio Libero di Trieste, e che le violazioni dei diritti civili dei cittadini di Trieste. I procedimenti penali, civili e amministrativi che si erano aperti a Trieste con il difetto di giurisdizione rappresentavano quindi una prova importante dei reati commessi dalle autorità italiane contro i cittadini del Territorio Libero.

Tra queste prove una delle più importanti era una sentenza del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) di Trieste su un ricorso da me presentato e sostenuto da altri 56 cittadini per chiedere l’annullamento delle elezioni della Regione Friuli Venezia Giulia tenutesi a Trieste nel 2013. La sentenza del TAR FVG era poi rapidamente divenuta famosa perché i giudici oltre ad affermare la sovranità italiana sul territorio di Trieste e sul Porto Franco Internazionale di Trieste, mi avevano condannato a pesante sanzione pecuniaria definendomi un “eversore” per avere osato dichiarare la validità del Trattato di Pace e chiesto la sua applicazione a Trieste.

Aggredire dall’interno: distruggere MTL

Per ostacolare l’ascesa di MTL, che già annunciava di volere procedere con cause internazionali dopo la sentenza del TAR e stava preparando la denuncia internazionale per il servizio militare imposto dallo Stato italiano ai cittadini del Territorio Libero, era necessario bloccare ogni possibile fonte di finanziamento. E così venne fatto. Oltre al tesseramento, l’evento più importante per la raccolta fondi era rappresentato dalla festa annuale che si svolgeva in estate. Quella del luglio 2013 rimarrà certamente memorabile perché frequentata da oltre 20.000 persone. Ma gli incassi si volatilizzarono. Secondo stime attendibili almeno 80.000 euro sparirono, o meglio vennero utilizzati contro di noi. Chi aveva gestito la sagra era infatti il gruppo che stava preparando il “golpe”. Rimanemmo così senza risorse economiche nel momento in cui dovevamo dare la massima spinta alle azioni internazionali. Fu il primo grosso successo per l’Italia che così riuscì a rallentare le nostre iniziative. E questo determinò l’inizio della crisi interna. Era evidente che più di qualcuno stava remando contro.

Quando il 18 gennaio 2014 si svolse la prima assemblea di MTL e venni eletto presidente la  situazione era già molto critica. Ormai il movimento era spaccato in due: la parte che cedendo alle pressioni italiane voleva andare alle elezioni amministrative cercava di imporsi eliminando l’ala legalitaria del movimento che rimaneva fedele al programma votato dalla stessa assemblea, che negava la possibilità di partecipare a qualsiasi elezione dello Stato italiano nel Territorio Libero.

Seguirono quattro mesi di scontri sempre più duri all’interno del movimento che portarono poi alla scissione attuata e preparata con metodi militari dai dissidenti che occuparono tutti i canali di comunicazione del movimento (profilo Facebook, sito internet, mail). Ci trovammo da un giorno all’altro senza possibilità di informare i nostri stessi iscritti di cosa stava accadendo e fummo sottoposti subito alla violentissima propaganda dei dissidenti che erano stati rinforzati dagli arrivi di disinformatori professionisti tra i quali il massone ostentato Paolo Deganutti diventato ideologo del loro gruppo. L’attacco pianificato scattò sabato 11 maggio alla sera e da quel momento i nostri 12.000 contatti facebook furono preda dei golpisti che erano riusciti a sottrarci anche parte dei dati degli iscritti. Noi così dovemmo ripartire da zero per ricostruire i nostri mezzi di informazione, mentre gli avversari sfruttavano il nostro lavoro e i nostri documenti spacciandoli ingannevolmente come loro e addirittura in nome nostro.

Riuscimmo comunque a resistere respingendo l’aggressione attuata anche fisicamente con tentativo di occupazione della nostra sede e i dissidenti costituirono rapidamente un nuovo movimento che chiamarono in maniera equivoca movimento “Territorio Libero” e “Territorio Libero 3” o “al cubo”. Il nuovo gruppo venne subito accreditato dall’UNPO (organizzazione non governativa filo italiana per la “rappresentanza dei popoli oppressi”) il cui segretario (l’italiano Busdachin) si precipitò a Trieste per riconoscere il movimento che aveva «fatto piazza pulita del vecchio indipendentismo». Tutto ricondotto sotto controllo italiano quindi. Almeno nelle intenzioni.

Perdemmo anche il controllo di Triest NGO che rimase nelle mani degli scissionisti. E perdemmo così quello studio di diritto internazionale da noi commissionato, pagato e sostenuto con i nostri documenti e con le nostre analisi. Scoprendo poi che l’avvocato Guglielmo Verdirame, uno dei legali dello studio di internazionalisti inglese, risultava essere consulente del Governo italiano in altre questioni internazionali. Un’altra trappola per noi in cui eravamo stati portati dai traditori?

La persona di contatto con questo studio inglese era Arlon Stok, uno dei soci fondatori, l’uomo nell’ombra dell’operazione di depistaggio italiana. E’ lui che è stato scelto poi dall’UNPO per presentare in tre minuti e mezzo a Ginevra in una sessione di un forum per i diritti delle minoranze dell’alto commissariato ONU di Ginevra per i diritti umani la questione del Territorio Libero. Naturalmente dal punto di vista dello Stato italiano. Arlon Stok è il pianificatore ed esecutore della sottrazione dei canali di comunicazione (profilo facebook e sito internet) del Movimento Trieste Libera. Arlon Stok non è mai stato indagato dall’autorità giudiziaria italiana. Unico tra i componenti attivi di MTL, e nonostante le sue responsabilità. Come è capitato ad altri utili alleati delle autorità italiane. L’uomo “nell’ombra” degli pseudo indipendentisti che fanno comodo all’Italia risiede in Slovenia. Sotto controllo delle autorità di quel Paese?

Ma noi non abbiamo mollato. Nonostante un altro attacco interno condotto da altri componenti del nostro direttivo convertitisi sulla via di Roma. Non abbiamo ceduto perché crediamo fermamente nei nostri diritti di cittadini del Territorio Libero di Trieste. Abbiamo un ideale che difenderemo fino in fondo e senza scendere a compromessi.

Siamo stati diffamati per mesi sotto il compiaciuto sguardo delle autorità italiane. In particolare è toccato a me e al giornalista Paolo G. Parovel. Siamo considerati le teste pensanti di MTL e allora devono toglierci di mezzo. Contro di noi hanno utilizzato tutto quello che potevano, con ogni genere di invenzione e offesa. Una macchina del fango amplificata poi dagli organi di informazione locale. Organi di informazione da sempre al servizio dell’Italia. Ecco perché il neo gruppo di indipendentisti, quello al servizio dell’Italia, ha avuto subito ampio spazio stampa positivo. E’ sempre così per i collaborazionisti, in tutti i regimi.

Abbiamo scoperto di essere stati regolarmente registrati dai nostri ex compagni, che poi hanno anche utilizzato le nostre comunicazioni interne riservate per denunciarci alla magistratura italiana. Io sono stato denunciato dal nostro ex avvocato Nicola Sponza, il nostro legale di fiducia a cui si rivolgevano i nostri iscritti. Lui aveva accesso ai nostri documenti processuali. Lui riceveva le nostre analisi che servivano anche per i ricorsi internazionali. E’ passato con gli scissionisti diventando segretario del nuovo gruppo Territorio Libero e direttore esecutivo di Triest NGO, e nel suo ruolo politico ha portato avanti l’azione pianificata per eliminare MTL. Azione agevolata dalle informazioni da lui attinte in un anno di attività nel movimento. Il 29 dicembre mi troverò sotto interrogatorio davanti alla polizia giudiziaria per la denuncia di questa persona.

Il 7 gennaio ci troveremo in udienza davanti al Giudice delle indagini preliminari per un’altra denuncia presentata dal presidente di Territorio Libero 3 Vito Potenza assieme ad altri sette. I loro nomi: Alessandro Gombač (ex Giombi), Adriano Ciacchi, Stefano Ferluga, Marco Pizzi, Andrej Rupel, Claudio Beorchia, Roberto Umek. La denuncia è nei miei confronti e di Paolo G. Parovel: i “nemici” dell’Italia che devono essere abbattuti.

Lo stesso Vito Potenza si è vantato pubblicamente di avere presentato altre denunce nei nostri confronti al GICO. Si tratta del Gruppo Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza. Quello che dovrebbe invece indagare sui traffici che vedono coinvolti troppi degli gli pseudo indipendentisti di Via Roma 28: quelli che piacciono tanto all’Italia.

Oltre a queste risulta poi la odiosa richiesta di radiazione presentata da Vito Potenza, Stefano Ferluga, Alessandro Gombač, Marco Pizzi, nei confronti di Paolo G. Parovel con l’accusa di essere un collaboratore dei servizi segreti sloveni. Questi ultranazionalisti italiani che vorrebbero sottomettere anche la Zona B del Territorio Libero non si smentiscono mai. La denuncia è già stata archiviata per totale infondatezza, ma è il chiaro indice di come questi signori vorrebbero mettere a tacere le voci del dissenso. E per questo hanno pure costituito un preoccupante gruppo di sicurezza che sembra ricalcare le orme delle camice nere. Ovviamente è tollerato dalle autorità italiane.

Naturalmente questi strani indipendentisti di tendenze fasciste e infarciti di massoniera deviata si riconoscono pienamente nell’autorità giudiziaria italiana e con i loro avvocati non sollevano mai il difetto di giurisdizione (se non quando gli conviene e si trovano sotto accusa), anzi accreditano le sentenze della magistratura italiana che affermano esplicitamente la sovranità dell’Italia sul Territorio Libero e sul Porto Franco di Trieste. E’ capitato per la famigerata sentenza del TAR n. 530/2013 che da loro viene sbandierata come atto di diritto risolutivo per il riconoscimento del Porto Franco. Certamente si tratta di una sentenza “risolutiva” perché oltre a ribadire una sovranità inesistente dell’Italia sul Porto Internazionale di Trieste, tenta di cancellare gli avversari politici del gruppo “Territorio Libero al cubo” accusandoli di reati di eversione.

L’approccio con i politici italiani di questo gruppo di manipolatori al servizio dell’Italia rende ben evidenti i loro scopi. Quando questa estate io criticai duramente il senatore PD Francesco Russo per la sua politica contro il Porto di Trieste, con la quale lui e il suo partito chiedevano la soppressione dell’intero Porto Franco Nord, il movimento “Territorio Libero” prese le difese del politico italiano dissociandosi da MTL. Quando il senatore Russo con un colpo di mano piratesco fece inserire un emendamento per la sdemanializzazione del Porto Franco Nord nella manovra finanziaria approvata dal Parlamento italiano, gli pseudo indipendentisti rappresentati da Vito Potenza ottennero subito il confronto pubblico con il senatore fresco di violazione del Trattato di Pace. Un incontro tra i rappresentanti dello stesso sistema di potere corrotto. I falsi indipendentisti avevano d’altronde preparato la strada al PD riconoscendosi pienamente nella illegittima sentenza del TAR 530/2013…

La situazione attuale ricorda il “tradimento” della Lista per Trieste degli anni ’80. La svendita di quel movimento popolare che rivendicava i diritti di Trieste contro le prevaricazioni dello Stato italiano. Una primavera che venne rapidamente incanalata nell’alveo istituzionale italiano. Una volta che la Lista aderì alle elezioni italiane perse ogni potere finendo dispersa nel fiume della corruzione del malgoverno nazionale. Nel corso dei nostri scontri per riaffermare i nostri diritti di cittadini del TLT ci siamo dovuti confrontare anche con questo “inglorioso” passato che stiamo cercando di riscattare. L’attuale avvocato dello Stato italiano nel tribunale di Trieste non è nient’altro che Marco Meloni ex segretario del movimento giovanile della Lista per Trieste. E’ lui che l’anno scorso durante un’udienza in cui io avevo sollevato il difetto di giurisdizione ha cercato di ridicolizzarmi, e con me tutti coloro che si riconoscono nella causa, definendo “Topolinia” il Territorio Libero di Trieste, secondo lui “mai esistito”. Detto da un ex segretario politico della Lista per Trieste fa ribrezzo.

Da un segretario politico all’altro, e vista l’inesistenza ormai della LPT, è probabile allora un posto come avvocato di Stato per l’attuale segretario del movimento Territorio Libero 3? Sempre, naturalmente, se si  riuscirà ad eliminare gli indipendentisti legalitari irriducibili  di MTL.

Quando due anni fa mi chiedevano quali erano i maggiori ostacoli per il conseguimento dei nostri obiettivi rispondevo che in realtà non avevamo nulla da temere essendo completamente dalla parte della ragione, ma che questa guerra della legalità la potevamo perdere solo contro noi stessi. Non posso che confermarlo: i peggiori nemici della causa per il Territorio Libero alla fine sono triestini.

IMG_0847

Marco Meloni (al centro), attuale avvocato dello Stato Italiano a Trieste, in una foto degli anni ’80 quando era segretario del gruppo giovani della Lista per Trieste.

*L’adesione all’UNPO è funzionale a sollevare la questione del Territorio Libero in sede internazionale per venire in soccorso dell’Italia, rispolverando la Zona B e rendendo così molto più difficile l’ottenimento del riconoscimento dell’attuale amministrazione provvisoria esistente sulla sola Zona A. Mettere al centro della questione del Territorio Libero la Zona B ora sotto sovranità slovena e croata permette infatti all’Italia di estendere il fronte allargandolo e puntando alla destabilizzazione dell’area balcanica.

Tratto dal blog “Ambiente e Legalità” di Roberto Giurastante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni