Movimento Trieste Libera

Trieste: primo successo della causa fiscale sull’amministrazione italiana

28-11-2017_foto1

La fila di intervenienti all’ingresso laterale del Tribunale di Trieste

Trieste, 28 novembre 2017. – La causa fiscale avviata nel maggio 2017 dalla International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T. nei confronti del Governo italiano amministratore fiduciario ha ottenuto un primo successo all’udienza di comparizione delle parti, che si è tenuta martedì 28 novembre.

Il Governo italiano si è infatti costituito nel giudizio facendosi difendere dalla sezione di Trieste dell’Avvocatura dello Stato, che ha depositato l’atto di costituzione ma non si è presentata in aula. Il Giudice ha concesso termini per il deposito di documenti e memorie entro il 15 maggio 2018.

Le tesi difensive proposte dall’Avvocatura dello Stato erano insostenibili ed in conflitto con la posizione dello stesso Governo italiano, che con il recente decreto sulla gestione del Porto Franco internazionale ha ammesso di esercitare l’amministrazione civile provvisoria del Free Territory of Trieste su mandato dei Governi statunitense e britannico per conto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

La I.P.R. F.T.T. ha dichiarato perciò che «apprezza la decisione del Governo italiano di non insistere su tesi difensive insostenibili, e la decisione del Giudice di concedergli un termine ulteriore di sei mesi per affrontare e risolvere il contenzioso con negoziati ragionevoli e soddisfacenti per ambedue le parti».

La causa avviata dalla I.P.R. F.T.T. chiede l’accertamento giudiziale del diritto del Governo amministratore ad imporre e riscuotere le tasse a Trieste in nome, per conto ed a bilancio dello Stato italiano, oppure in nome, per conto ed a bilancio del Free Territory amministrato. Le tasse imponibili nel Free Territory attuale sono da due a tre volte inferiori a quelle dello Stato italiano.

La causa della I.P.R. F.T.T. non ha precedenti ed è sostenuta anche dall’intervento processuale di cittadini ed imprese dell’attuale Free Territory of Trieste e di altri Stati. Gli atti di intervento già depositati sono 485. Poiché le parti fisicamente presenti all’udienza erano quasi 200, il Tribunale ha dovuto assegnare al processo l’aula della Corte d’Assise.

F.W.

Gli intervenienti prendono posto nell’Aula d’Assise

CAMERA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni