Movimento Trieste Libera

Provata illegittima l’operazione del sindaco Dipiazza sull’ex caserma Polstrada di Roiano

L’amministrazione comunale di Trieste retta dal sindaco Roberto Dipiazza insiste a tentar di coprire con dichiarazioni ingannevoli le illegittimità ormai provate del giro di appalti inutili da 15 milioni di euro organizzato attorno all’ex Caserma della Polizia stradale nel rione di Roiano.

Il giro di appalti inutili risulta organizzato dalle precedenti amministrazioni del sindaco Dipiazza con funzionari del Demanio dello Stato e del Ministero dell’Interno, il suo successore Cosolini (PD) non l’ha annullato, e la nuova amministrazione Dipiazza l’ha potuto perciò riprendere per portarlo a compimento.

L’operazione è consistita nel trasferire il nucleo di Polizia Stradale di Trieste (contro la sua volontà) in una caserma nuova costruita a spese del Comune, che in cambio riceve dal Demanio la proprietà dell’area e degli edifici di Roiano allo scopo dichiarato di destinarli ad asilo, parcheggio e parco urbano per gli abitanti del rione.

L’area includeva infatti gli edifici, intatti ed utilizzabili a questi scopi con pochi adattamenti, della caserma e del parcheggio coperto, con officina, da oltre 100 posti, più ampi spazi aperti con grandi alberi sani ai quali era sufficiente aggiungere nuove piante, vialetti, fontane e panchine. Interventi e spese potevano risultare perciò ragionevoli.

Il Sindaco Dipiazza si è invece fatto consegnare l’area in anticipo ed ha fatto abbattere immediatamente di prepotenza, ignorando le proteste, tutti gli alberi e gli edifici per imporre la costruzione assurda e non necessaria di edifici nuovi, di un parcheggio interrato da 70 posti (nonostante la presenza di un torrente sotterraneo), e di un parco nuovo.

Una forzatura è resa poi ancora più evidente dalle ammissioni dello stesso Comune che per quegli interventi non esistono ancora né il progetto, né le previsioni dei tempi e dei costi. Che non dovrebbero però essere inferiori ai 7-8 milioni di euro.

Le sole certezze sono perciò che la spesa di denaro pubblico sarà enorme quanto inutile, e che l’intera operazione farà ritardare enormemente il promesso utilizzo pubblico dell’area, facendo guadagnare soltanto le imprese beneficiarie del giro di appalti inutili.

Questo quadro evidente dei fatti suggerisce indagini adeguate, ma le illegittimità originarie dell’operazione sono già provate dal contratto di trasferimento della proprietà dal Demanio dello Stato al Comune di Trieste, rogato non da un notaio ma dal Segretario Generale del Comune stesso.

I due enti istituzionali dovevano sapere infatti che il Demanio dello Stato non poteva cedere l’area al Comune, perché non ne ha la proprietà ma soltanto la gestione, ed il Comune non poteva perciò acquisirla. Per di più il contratto dichiara il falso sul titolo di proprietà non solo sotto tale aspetto fondamentale, ma anche perché lo riferisce ad un’ area diversa da quella della caserma; elude inoltre il problema tecnico del torrente sotterraneo.

Chi vuole approfondire l’argomento può leggere QUI il Reclamo Tavolare presentato il 15 dicembre al Tribunale dalla International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R F.T.T., con notifica anche alle autorità amministrative e giudiziarie perché avviino doverosamente le indagini di loro competenza. L’atto della I.P.R. F.T.T. consolida infatti con ampia trattazione in fatto e diritto tutte le prove delle illegittimità della cessione. Quest’atto apre inoltre l’intera questione degli abusi sui beni demaniali del Free Territory of Trieste, inclusi i beni del porto, che hanno un valore materiale e funzionale complessivo di decine di miliardi di euro.

Farebbero perciò bene a leggerlo e studiarlo con molta attenzione anche i consiglieri del Comune di Trieste ai quali l’arrogante e superficiale Amministrazione Dipiazza chiede di condividere senza verifiche anche le responsabilità civili, amministrative e penali di quest’ennesima operazione scandalosa.

Il video di Trieste Libera che riassume la verità sul caso della caserma di Roiano e le bugie dei politici su questo giro di appalti inutili: LINK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni