Movimento Trieste Libera

Visita a Montedoro: la collina dei veleni

Domenica 7 maggio dalle ore 9.30 Trieste Libera, il suo gruppo Ambiente e l’organizzazione ambientalista Greenaction Transnational organizzano una visita guidata a Montedoro, dove si trovano gli ex depositi militari di combustibile mai bonificati.

Punto di ritrovo: ore 9 parcheggio dell’ex hotel Montedoro (vedi mappa e foto di seguito, cliccare per ingrandire).

Punto di partenza: parcheggio dell’ex hotel Montedoro, ore 9.30.
MappaMontedoro

HotelMontedoro

Ora di conclusione: ore 13.30.

Montedoro: la collina dei veleni

depositi militari di idrocarburi mai bonificati

 

Domenica 7 maggio dalle ore 9.30 Trieste Libera, il suo groppo Ambiente e Greenaction Transnational organizzano un’escursione all’area di Montedoro, tra Muggia e Dolina: queste colline nascondono una pesante eredità per l’attuale Territorio Libero di Trieste, ovvero un enorme ex deposito militare sotterraneo di combustibili che le autorità amministratrici italiane hanno incredibilmente classificato come “terreno agricolo”.

È una vasta rete di cisterne, gallerie blindate e tubature che ha una capacità di circa 30 milioni di litri di combustibili, era collegata al porto industriale e serviva a rifornire le truppe italiane impegnate in operazioni militari contro la Jugoslavia durante la Seconda Guerra mondiale.

Durante la Guerra Fredda, l’amministrazione italiana dell’attuale TLT insediata dall’ottobre 1954 ha riutilizzato i depositi classificando l’area come “demanio militare” nonostante il Trattato di Pace del 1947 costituisca il Territorio Libero di Trieste come Stato neutrale e demilitarizzato.

Questi depositi erano infatti considerati strategici per i nuovi progetti italiani contro la Jugoslavia (che al tempo guida del movimento dei Paesi non allineati ed in stretti rapporti difensivi con la NATO). A fine anni ’80, quando la Guerra Fredda si stava esaurendo, i depositi vennero abbandonati omettendo di bonificarli.

Questa grave omissione è un delitto ambientale dei comandi militari italiani che mette in serio pericolo persone e animali, sia perché l’acquedotto comunale di Muggia attraversa questo terreno impregnato di combustibili, sia perché l’area è ancora accessibile nonostante le soffocanti esalazioni di idrocarburi.

L’evento su Facebook: LINK

Video informativo sull’area di Montedoro: LINK

Posizione dell’ex hotel Montedoro (da Google Maps): LINK

Cover-Montedoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni