Movimento Trieste Libera

Truffa COOP Trieste: udienza lunedì 13 marzo alle 9

Truffa COOP Trieste: udienza lunedì 13 marzo alle 9

Lunedì 13 marzo, alle ore 9, il Tribunale di Trieste terrà l’udienza preliminare nel procedimento principale per la colossale truffa delle COOP di Trieste, Istria e Friuli, che ha saccheggiato i risparmi di 17.000 soci e causato gravi perdite di posti di lavoro, oltre che di tutti i beni sociali. Dato il numero delle parti lese, l’udienza di terrà nell’aula d’Assise, che si trova nel cortile interno del Tribunale, in fondo a destra (ingresso da via del Coroneo 20).

Ma la maggioranza dei soci danneggiati non sa nemmeno che si tiene l’udienza, perché il Tribunale non glie l’ha notificata. Ne ha data infatti soltanto comunicazione formale indiretta a gennaio, con mezzi che non raggiungono direttamente i cittadini: albo pretorio del Comune, siti internet del Tribunale e del Ministero della Giustizia, Gazzetta Ufficiale e pubblicazione sul quotidiano locale per estratto e senza speciale rilievo.

Trieste Libera avvisa quindi sui suoi media i soci COOP perché possano partecipare fisicamente all’udienza nel maggior numero possibile, per dare un chiaro segnale della voliontà che tutti i responsabili della truffa siano perseguiti. Altrimenti si rischia che alcuni personaggi particolari non vengano nemmeno imputati, anche se negli atti delle indagini vi sono prove schiaccianti e scandalose delle loro responsabilità dirette e indirette nel saccheggio delle risorse delle COOP e dei risparmi dei soci.

Le protezioni di quei personaggi sinora esclusi da imputazioni penali, e dalle connesse responsabilità civili per danni, sono notoriamente forti e trasversali, perché si tratta di esponenti o membri del sistema politico italiano che parassita l’intera economia del Free Territory of Trieste, trascinando in rovina migliaia di cittadini, famiglie ed imprese. Quel sistema parassitico non solo non deve restare impunito nel caso COOP, ma dev’essere chiamato finalmente a rispondere anche di tutti i suoi altri malaffari.

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni